Accoglienza Protocollo Osservazioni Migratori Pubblicazioni Blog Libreria Partner Contatto
Observatoire National Cynégétique et Scientifique Citoyen

Observatoire National Cynégétique et Scientifique Citoyen
Quaglia
Brano del rapporto di stage di Padronanza Università di Rouen-IMPCF di Hugues SANTIN-JANIN Septembre2004.
Photo da : Florian Weber
Specie: Colombaccio / Columba palumbus
Cognomi Inglese:Woodpigeon Famiglia : Columbidae
Taglia:41cm
Portata:75-80
Peso:450 à 520 grammi
Longevita:16 anni
MIGRATEUR_PIGEON_13
Aspetto
Il Colombaccio è più grande dei piccioni d 'Europa, è nettamente più grande e più tarchiato che gli altri piccioni. La gola è rosa-purpurea, tirando verso il grigio pallido sul ventre. La testa è grigia, con le macchie bianche molto nette sul lato o il collo, salvo dai giovani, più smorti. Le cosce, le zampe ed i piedi sono gialli. La coda è larga, e presente una larga banda scurita alla sua estremità. In volo, una linea bianca che attraversa il mezzo di l 'ala diventa molto visibile. Il suo becco è leggermente adunco, alla differenza degli altri piccioni europei, questo becco è fatto per lacerare i fogli. L 'altro nome del Colombaccio è il Palombo.
Ripartizione Géografico
: (tirato de CRAMP, 1985)
: Presente tutto l'anno
Présente solamente in periodo di riproduzione
In Francia, si può osservare degli individui nicheurs, migratori ed arati. Questa specie è molto comune su l 'insieme del territorio Nazionale. Lo si ritrova nelle campagne aperte di ogni tipo, a condizione d \ essere cosparse di alcuni alberi. Ma anche nei boschi chiari, margini di foreste miste, parchi e giardini pubblici boscosi, vicino a culture e di campi per l 'alimentazione. Lo si ritrova così, in Europa, nelle zone rurali, dovunque ma anche, nei sobborghi ed al cuore delle città.
Riproduzione
L 'area di riproduzione di questo piccione s 'stende delle contrade marittime e mediterranee del vecchio continente jusqu 'ai contrafforti occidentali di l 'Himalaya, sotto le latitudini comprese tra 30° e 65° N., La nidificazione ha luogo dal livello del mare jusqu 'a 3000m nella parte più asiatica di l 'area di ripartizione.
Il periodo di riproduzione differisce secondo le località, ed i tipi d 'habitat. Per esempio, la nidificazione dei Piccioni colombi urbani britannici esordiscono già fin dalla fine febbraio mentre quella desruraux, n \ non è osservata prima del mi-marzo, e talvolta stesso, il mi-aprile (CRAMP,1985). Gli uccelli originari delle regioni meridionali ed occidentali si riprodursi globalmente, presto più che gli altri, perché i fattori climatici sono più favorevoli e le risorse alimentari più disponibili. In Francia, i Piccioni colombi più precoci nidificano a partire solamente dalla fine marzo o dell'inizio d 'aprile. Ha le principali caratteristiche della riproduzione del piccione colombaccio:
Numeri di cove: da due a tre covate, secondo la quantità di cibo disponibile,
Numeri d'œuovi : 2 uovi bianchi
Incubazione : 17 gironi (2 sessi)
Nido: Il Piccione colombo nidifica nei file d 'alberi di tutte le benzine, nei nidi di cornacchie abbandonate ed i nidi d 'scoiattoli, talvolta, direttamente sul suolo o sui bordi di edifici urbani. Il nido rudimentale è composto di alcuni rami che lasciano indovinare i uovi
Tipo di nichoir: N \ non 'utilizzo i nichoirs
Involo : 20 à 35 giorni
Emancipazione : 42 giorni
Emancipazione : 42 gironi Tasso di sopravita : 64 %
Le coppie sono fedeli al corso d 'una stessa stagione di riproduzione e possono rimanere uniti, in certi casi, parecchi anni consecutivi,
Migrazione
L 'specie è migratrice parziale, migratore diurno. Gli uccelli delle regioni temperati e meridionali d 'Europa n \ non 'intraprendono di migrazione, mentre gli uccelli delle regioni nordici e continentali s 'esportano per andare a passare la cattiva stagione sulla facciata atlantica di l 'Europa, nella Penisola Iberica, il Nord delle rive mediterranee, la Turchia ed il Medio Oriente.
Nel nostro paese, gli uccelli sedentari sono raggiungo fin dalla fine di settembre, per numerosi migratori (Yeatman, Berthelot&Jarry,1994). Questi convergono verso l 'estremità occidentale dei Pirenei. La traversata dei colli del Paese basco, verso i quartieri d 'inverno Iberico, da' adito a concentrazioni locali spettacolari talvolta. CRAMP (1985, localizza il picco di passaggio del migrazione postnuptiale in Francia tra il 10 ed i 20 ottobre. Localizza la migrazione di ritorno in Europa tra marzo ed aprili.
Da un decina d 'anni, la cultura del mais che s 'stende ora in tutto il Sud-ovest, ha modificato radicalmente le abitudini ancestrali degli uccelli che s 'installano sempre più numerosi al piede dei Pirenei di cui rinunciano a superare i colli. Lo sviluppo di questo svernamento sembra riguardare i popolazioni d 'origine medio-europea.


Cybergames-café © 2010